Top

Metodo

COS’E’ METODOBIANCHINI®?

E’ un percorso alimentare per conoscersi e imparare a volersi bene utilizzando il cibo. Un metodo innovativo che insegna a scegliere ed utilizzare il cibo con la possibilità di  migliorare il benessere e dimagrire mangiando illimitatamente, anche alimenti che normalmente vengono vietati nelle diete. Molte persone trovano frustrante pesare gli alimenti, non avere la libertà di mangiare in abbondanza ed essere perennemente a dieta; con MetodoBianchini® potete fare esattamente il contrario raggiungendo e mantenendo il peso forma e il benessere a vita. Un sogno diventato realtà!

Il metodo è adatto anche a intolleranti al lattosio, celiaci e vegetariani.

 

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE?

MetodoBianchini® presenta caratteristiche totalmente diverse rispetto alle diete:

  • non si pesano i cibi (si mangia illimitatamente)
  • non c’è il conteggio calorico
  • non è obbligatorio praticare sport
  • non si assumono farmaci, integratori o beveroni
  • si possono utilizzare tutti i tipi di cottura
  • i condimenti sono liberi (olio, burro, spezie, erbe aromatiche, ecc)
  • non si patisce la fame
  • c’è molta varietà
  • si diventa autonomi per sempre

 

SU QUALI CONCETTI SI FONDA IL METODO?

MetodoBianchini® si fonda su una scelta consapevole ed equilibrata di combinazioni alimentari che possono favorire il benessere psico-fisico, fare dimagrire e mantenere per sempre il peso forma. Ogni alimento produce reazioni fisiche, psicologiche e sensoriali differenti da persona a persona, non esiste un’alimentazione adatta a tutti, esistono invece alcune regole ben precise che permettono ad ognuno di nutrirsi in maniera consapevole senza sforzi e rinunce per tutta la vita. E’ fondamentale imparare a conoscersi e saper scegliere il cibo adattandolo alla propria persona ed alla realtà sociale, lavorativa e familiare.

 

CI SONO INDICAZIONI SPECIFICHE PER SEGUIRE IL METODO?

E’ fondamentale e necessaria la disponibilità al cambiamento, la capacità di mettersi in discussione e la voglia di imparare; prima di richiedere una consulenza valuta questo aspetto.

 

COME SI SVILUPPA IL PERCORSO?

Il percorso, ideale per chi ha poco tempo, prevede 3 consulenze con Paolo Bianchini.

1° consulenza: analisi dei gusti alimentari e delle abitudini personali / Invio dopo qualche giorno del menù personalizzato

2° consulenza: ampliamento della scelta alimentare con nuove alternative per colazione (dolci o salate) e per pranzo e cena

Aggiornamenti gratuiti: non hai raggiunto il tuo obiettivo nel primo mese? Ricevi variazioni al menù nella tua area riservata, comodamente da casa!

3° consulenza: hai raggiunto il tuo obiettivo! Indicazioni di mantenimento a vita, autonomi per sempre e senza rinunce

Chi conclude il proprio percorso già dopo il primo mese usufruirà solo di 2 consulenze. Ogni consulto si paga singolarmente, non si acquista nessun pacchetto prepagato.

 

QUANTO DURA IL PERCORSO?

Il percorso dura fino a quando la persona raggiunge in autonomia il proprio risultato / obiettivo ed ottiene le indicazioni di mantenimento a vita. Non c’è un tempo limite per terminare il percorso, sono comunque previste massimo 3 consulenze.

 

COSA PUO’ ESSERE CONSENTITO MANGIARE?

  • dolci secondo ricetta originale MetodoBianchini® (torte, crepes, biscotti, muffin, mousse, soufflè, brownies, cremosi, semifreddi, caramelle)
  • gelato
  • salumi e insaccati: crudo, mortadella, speck, coppa, salame
  • formaggi
  • yogurt
  • mascarpone, panna montata, burro chiarificato
  • uova, carne, pesce
  • pasta, riso, pane, pizza
  • frutta, verdura, legumi, tuberi
  • bevande oltre ad acqua: caffè, tè e tisane dolcificate a piacere con fruttosio

Il menu è elaborato secondo i propri gusti alimentari tuttavia esso non potrà includere fin dal primo mese tutte le alternative alimentari possibili. Procedendo con il percorso si impara ad utilizzare e sfruttare tutti gli alimenti, combinati ed assunti all’orario corretto!

Si impiegano solo alimenti semplici e comuni della tradizione Italiana, reperibili in qualsiasi supermercato, senza farmaci, integratori, beveroni o pasti sostitutivi. Chi vuole alimenti ricercati o introvabili non è probabilmente adatto per seguire il metodo.

 

COSA SI DEVE EVITARE?

Bisogna evitare alcune bevande e alcuni composti aggiunti.

  • Bevande: Latte, alcolici, bibite, succo di limone, succhi di frutta, spremute, caffè d’orzo e ginseng.
  • Composti aggiunti: sale, zucchero e aceto.

Tutto ciò va evitato fino al mantenimento che può prevedere da 1 a 3 giorni totalmente liberi a settimana!

 

BISOGNA ESSERE BRAVI IN CUCINA?

No, bisogna saper e voler cucinare il minimo indispensabile. Si possono utilizzare anche alimenti surgelati.

 

NATURA DEL SERVIZIO: PRECISAZIONI

Paolo Bianchini, libero pensatore, consulente nutrizionale e nutraceutico, è coadiuvato dalla moglie Dott.ssa Francesca laureata in assistenza sanitaria.

L’attività dello studio è difforme e non sostituisce quella del medico-chirurgico, del biologo nutrizionista e del dietista. Non si tratta di dieta calorica o volta a curare patologie, ma di una libera e facoltativa scelta alimentare del soggetto, non saranno formulate diagnosi in senso medico-clinico o psicologico.

ALIMENTAZIONE E SALUTE

La definizione di salute, come dichiara l’ Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) già dal 1948, ha un’accezione molto più ampia che associa strettamente una condizione di assenza di patologie ad uno stato di ben-essere globale della persona. Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico e adottare una corretta alimentazione significa avere comportamenti e rapporti nei confronti del cibo che permettono il mantenimento della propria salute.

Incoraggiare e promuovere uno stile di vita alimentare sano è fondamentale per raggiungere la salute dell’individuo e della collettività ed è quindi una dimensione importante della qualità della vita.

“La promozione della salute è quel processo che mette in grado le persone di aumentare il controllo sulla propria salute e di migliorarla…non è una responsabilità esclusiva del settore sanitario, ma va al di là degli stili di vita e punta al benessere.’ (Carta di Ottawa. OMS, 1986)”

Dalla dichiarazione di Alma Ata del 1978 si è arrivati a definire un nuovo paradigma, passando da un modello di salute bio-medico a quello bio-psico sociale. Con la 6° Conferenza Mondiale per la Promozione della Salute- Carta di Bangkok (2005) si afferma che il raggiungimento del più elevato livello possibile di salute costituisce un obiettivo sociale di rilevante importanza, la cui realizzazione richiede l’azione di molte professioni.

Mettere quindi in grado tutte le persone a raggiungere il loro potenziale di salute è fondamentale e consegue gli obiettivi promossi dall’OMS.