Top

ASSISTENZA AL PERCORSO

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci la password presente nel tuo menù:

Clicca sul box desiderato e trova la domanda che cerchi

Importante da sapere

MetodoBianchini dà l’opportunità di incrementare la propria conoscenza e consapevolezza alimentare attraverso un percorso evolutivo personalizzato in logica biochimica pensato per migliorare il benessere complessivo. 

Un metodo UNICO perchè offre la possibilità di essere felici mangiando anche alimenti VIETATI dalle diete ma combinati ed assunti all’orario corretto rispettando il naturale orologio biologico, soddisfacendo il cervello e il palato; una RIVOLUZIONE CULTURALE rispetto ad una dieta ipocalorica e restrittiva!

COME SI PUO’ CERCARE DI MIGLIORARE IL BENESSERE ATTRAVERSO IL CIBO?

mantenendo un corretto controllo ormonale!

GLI ORMONI SONO IN GRADO DI DETERMINARE LO STATO DI SALUTE O DI MALATTIA perché OGNI VOLTA CHE MANGIAMO, IL NOSTRO CORPO REAGISCE CON UNA RISPOSTA ORMONALE!

SE CORRETTA può prevenire patologie, migliora il benessere, rallenta l’invecchiamento, mantiene il peso forma.

SE SBAGLIATA altera la produzione ormonale con conseguente aumento di INFIAMMAZIONE cellulare.

L’INFIAMMAZIONE CELLULARE È IL PUNTO DI PARTENZA DI TUTTI I DISTURBI E PATOLOGIE!

COME RIDURRE IL LIVELLO DI INFIAMMAZIONE?

NUTRENDOSI CORRETTAMENTE!

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SULLA RIVISTA VANITY FAIR SU DIETA “ORMO-CHIMICA”

LEGGI ANCHE GLI ARTICOLI  SU “CIBO E FELICITA'” SULLA RIVISTA STARBENE O IODONNA

Preparazione dei cibi

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile.

Se all’inizio è presente un buffet scegli solo cibi proteici ad esempio parmigiano, pesce, affettati.

Quando sei al tavolo assumi solo proteine (carne o pesce) + verdura. In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio arrosti, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema. In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta degli sposi. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarò dimagrito ma nemmeno ingrassato…….

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 2 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

INSALATA DI CETRIOLI E YOGURT

 

LEGGI QUALCHE ALTRO UTILE CONSIGLIO DI PAOLO BIANCHINI NELL’ARTICOLO DI ADNKRONOS O SULLA RIVISTA STARBENE

Saltare il pasto è uno degli errori più gravi che si possa fare se voglio ottenere certi benefici e risultati.

Assolutamente no! Questo è un errore da non fare, a maggior ragione se già sbaglio l’orario del pranzo la cena va fatta all’orario corretto per andare a ripristinare il prima possibile la situazione.

A cena devo comunque mangiare (poco se sono ancora pieno) un pò di proteina e un pò di carboidrato verdura. Basta poca quantità di cibo per ripristinare la situazione.

MAI SALTARE IL PASTO O PEGGIO ANCORA MANGIARE SOLO FRUTTA O BERE UN TE’ CON BISCOTTI PENSANDO DI RIMEDIARE!!!

Se nel suo menù non sono stati contemplati per il momento degli spuntini c’è un chiaro motivo per farle giungere l’obiettivo prefissato nel migliore dei modi, le consiglio di provare a saziarsi maggiormente a colazione. Ricordo che le quantità sono illimitate.

Se ha già terminato il percorso ed è nel mantenimento a vita può fare esattamente ciò che vuole, se dovesse ingrassare al ritorno basta semplicemente proseguire con il mantenimento e si ritorna al peso forma in pochi giorni.

Se è ancora nella fase dimagrantecolazione opti per il salato (es uova, toast salato, yogurt bianco intero con aggiunta di qualche fetta di prosciutto). A pranzo/cena prediliga un piatto composto da proteine + verdure (in questo caso vanno bene tutti i tipi).

Non salti mai comunque nessun pasto e non si abbuffi di frutta (errore che commettono in molti d’estate al mare, vedere domanda su cosa mangiare in spiaggia).

Al ritorno a casa, per rimediare all’eventuale ingrassamento, riprenda regolarmente il suo menù senza variazioni o personalizzazioni. 

La cosa migliore è portarsi il pasto da casa come ad esempio un avanzo della cena precedente.

Se invece va al ristorante chieda di farsi preparare una proteina (carne o pesce) + un contorno di verdura. Evitare patate, legumi, cornetti e carote cotte.

Condire a piacere con olio, burro, sale, spezie.

In questo modo ci si adegua al metodo senza problemi anche al ristorante. 

SI, sono importanti. Non dobbiamo considerare solo ciò che mangiamo ma anche l’ora in cui lo mangiamo per rispettare il nostro organismo seguendo un determinato ritmo metabolico. Ogni cibo produce un effetto differente in base all’orario in cui viene assunto!

Riuscire a mangiare all’interno delle fasce orarie indicate significa che quel pasto avrà la maggior efficacia per il suo dimagrimento e benessere.

– colazione tra le 7 e le 8.30,

– pranzo tra le 12 e le 13.30,

– cena tra le 19 e le 20.30.

– a dormire tra le 22 e le 23.30

Se nel weekend si sveglia entro le ore 8.30 fa colazione altrimenti se si alza dopo beva solo caffè o tè ma è comunque da considerarsi uno sgarro che rallenta il dimagrimento. Bisogna mettere il nostro corpo nella condizione migliore di poter dimagrire.

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SU IL GIORNO 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

Se è costretta ad assaggiare può farlo ma non deve ingoiare quel cibo o condimento.

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile assumendo solo proteine (carne o pesce) + un contorno.

In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio cotechino, salsiccia, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure o ad esempio lenticchie. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema.

In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta, panettone o colomba ma devo evitare i primi piatti. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarete dimagriti ma nemmeno ingrassati…

BUONE FESTE A TUTTI!

P:S: e se per tua sfortuna il giorno di Natale lo passi a letto con l’influenza leggi questa mia intervista su IL GIORNO con qualche consiglio utile https://www.ilgiorno.it/salute/influenza-natale-cosa-mangiatecosa-evitare-fake-della-nonna-m9t0rksd

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 4 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

Ricetta Caesar Salad

Ricetta Macedonia di mela e yogurt MB

Ricetta Tortino ricotta e porro

 

Seguendo MetodoBianchini non dovete per nessun motivo rinunciare ad un’uscita in compagnia, ad una serata spensierata tra amici perchè tutto ciò che fa bene al nostro cervello può aiutarci a raggiungere prima e meglio l’obiettivo.

Detto ciò…

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’uscita al ristorante con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante non devo ovviamente sgarrare. Devo scegliere una proteina (carne o pesce) anche se non presente nel mio menù aggiungendo un carboidrato di contorno (es. verdure alla griglia, lesse, al burro). Potrebbe andare bene anche un fritto misto di pesce che è un piatto composto da tutti i 3 nutrienti fondamentali: proteina (pesce) + carboidrato (la pastella) + grasso (l’olio della frittura).

Tutto molto semplice.

Godetevi l’uscita!

 

Il 1° mese porta pazienza. In questo caso puoi bere solo acqua o una tisana alle erbe amara.

Dal 2° mese in poi puoi bere un bicchiere di vino rosso accompagnato sempre da una proteina come parmigiano o qualche fetta di affettato. Consiglio comunque sempre di non saltare la cena.

Se hai terminato il percorso e sei nel mantenimento puoi conciliare l’aperitivo con il giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Chiarimenti su cibi e abbinamenti

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile.

Se all’inizio è presente un buffet scegli solo cibi proteici ad esempio parmigiano, pesce, affettati.

Quando sei al tavolo assumi solo proteine (carne o pesce) + verdura. In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio arrosti, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema. In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta degli sposi. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarò dimagrito ma nemmeno ingrassato…….

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 2 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

INSALATA DI CETRIOLI E YOGURT

 

LEGGI QUALCHE ALTRO UTILE CONSIGLIO DI PAOLO BIANCHINI NELL’ARTICOLO DI ADNKRONOS O SULLA RIVISTA STARBENE

Saltare il pasto è uno degli errori più gravi che si possa fare se voglio ottenere certi benefici e risultati.

Assolutamente no! Questo è un errore da non fare, a maggior ragione se già sbaglio l’orario del pranzo la cena va fatta all’orario corretto per andare a ripristinare il prima possibile la situazione.

A cena devo comunque mangiare (poco se sono ancora pieno) un pò di proteina e un pò di carboidrato verdura. Basta poca quantità di cibo per ripristinare la situazione.

MAI SALTARE IL PASTO O PEGGIO ANCORA MANGIARE SOLO FRUTTA O BERE UN TE’ CON BISCOTTI PENSANDO DI RIMEDIARE!!!

Se nel suo menù non sono stati contemplati per il momento degli spuntini c’è un chiaro motivo per farle giungere l’obiettivo prefissato nel migliore dei modi, le consiglio di provare a saziarsi maggiormente a colazione. Ricordo che le quantità sono illimitate.

Se ha già terminato il percorso ed è nel mantenimento a vita può fare esattamente ciò che vuole, se dovesse ingrassare al ritorno basta semplicemente proseguire con il mantenimento e si ritorna al peso forma in pochi giorni.

Se è ancora nella fase dimagrantecolazione opti per il salato (es uova, toast salato, yogurt bianco intero con aggiunta di qualche fetta di prosciutto). A pranzo/cena prediliga un piatto composto da proteine + verdure (in questo caso vanno bene tutti i tipi).

Non salti mai comunque nessun pasto e non si abbuffi di frutta (errore che commettono in molti d’estate al mare, vedere domanda su cosa mangiare in spiaggia).

Al ritorno a casa, per rimediare all’eventuale ingrassamento, riprenda regolarmente il suo menù senza variazioni o personalizzazioni. 

La cosa migliore è portarsi il pasto da casa come ad esempio un avanzo della cena precedente.

Se invece va al ristorante chieda di farsi preparare una proteina (carne o pesce) + un contorno di verdura. Evitare patate, legumi, cornetti e carote cotte.

Condire a piacere con olio, burro, sale, spezie.

In questo modo ci si adegua al metodo senza problemi anche al ristorante. 

SI, sono importanti. Non dobbiamo considerare solo ciò che mangiamo ma anche l’ora in cui lo mangiamo per rispettare il nostro organismo seguendo un determinato ritmo metabolico. Ogni cibo produce un effetto differente in base all’orario in cui viene assunto!

Riuscire a mangiare all’interno delle fasce orarie indicate significa che quel pasto avrà la maggior efficacia per il suo dimagrimento e benessere.

– colazione tra le 7 e le 8.30,

– pranzo tra le 12 e le 13.30,

– cena tra le 19 e le 20.30.

– a dormire tra le 22 e le 23.30

Se nel weekend si sveglia entro le ore 8.30 fa colazione altrimenti se si alza dopo beva solo caffè o tè ma è comunque da considerarsi uno sgarro che rallenta il dimagrimento. Bisogna mettere il nostro corpo nella condizione migliore di poter dimagrire.

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SU IL GIORNO 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

Se è costretta ad assaggiare può farlo ma non deve ingoiare quel cibo o condimento.

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile assumendo solo proteine (carne o pesce) + un contorno.

In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio cotechino, salsiccia, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure o ad esempio lenticchie. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema.

In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta, panettone o colomba ma devo evitare i primi piatti. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarete dimagriti ma nemmeno ingrassati…

BUONE FESTE A TUTTI!

P:S: e se per tua sfortuna il giorno di Natale lo passi a letto con l’influenza leggi questa mia intervista su IL GIORNO con qualche consiglio utile https://www.ilgiorno.it/salute/influenza-natale-cosa-mangiatecosa-evitare-fake-della-nonna-m9t0rksd

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 4 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

Ricetta Caesar Salad

Ricetta Macedonia di mela e yogurt MB

Ricetta Tortino ricotta e porro

 

Seguendo MetodoBianchini non dovete per nessun motivo rinunciare ad un’uscita in compagnia, ad una serata spensierata tra amici perchè tutto ciò che fa bene al nostro cervello può aiutarci a raggiungere prima e meglio l’obiettivo.

Detto ciò…

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’uscita al ristorante con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante non devo ovviamente sgarrare. Devo scegliere una proteina (carne o pesce) anche se non presente nel mio menù aggiungendo un carboidrato di contorno (es. verdure alla griglia, lesse, al burro). Potrebbe andare bene anche un fritto misto di pesce che è un piatto composto da tutti i 3 nutrienti fondamentali: proteina (pesce) + carboidrato (la pastella) + grasso (l’olio della frittura).

Tutto molto semplice.

Godetevi l’uscita!

 

Il 1° mese porta pazienza. In questo caso puoi bere solo acqua o una tisana alle erbe amara.

Dal 2° mese in poi puoi bere un bicchiere di vino rosso accompagnato sempre da una proteina come parmigiano o qualche fetta di affettato. Consiglio comunque sempre di non saltare la cena.

Se hai terminato il percorso e sei nel mantenimento puoi conciliare l’aperitivo con il giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

varie

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile.

Se all’inizio è presente un buffet scegli solo cibi proteici ad esempio parmigiano, pesce, affettati.

Quando sei al tavolo assumi solo proteine (carne o pesce) + verdura. In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio arrosti, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema. In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta degli sposi. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarò dimagrito ma nemmeno ingrassato…….

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 2 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

INSALATA DI CETRIOLI E YOGURT

 

LEGGI QUALCHE ALTRO UTILE CONSIGLIO DI PAOLO BIANCHINI NELL’ARTICOLO DI ADNKRONOS O SULLA RIVISTA STARBENE

Saltare il pasto è uno degli errori più gravi che si possa fare se voglio ottenere certi benefici e risultati.

Assolutamente no! Questo è un errore da non fare, a maggior ragione se già sbaglio l’orario del pranzo la cena va fatta all’orario corretto per andare a ripristinare il prima possibile la situazione.

A cena devo comunque mangiare (poco se sono ancora pieno) un pò di proteina e un pò di carboidrato verdura. Basta poca quantità di cibo per ripristinare la situazione.

MAI SALTARE IL PASTO O PEGGIO ANCORA MANGIARE SOLO FRUTTA O BERE UN TE’ CON BISCOTTI PENSANDO DI RIMEDIARE!!!

Se nel suo menù non sono stati contemplati per il momento degli spuntini c’è un chiaro motivo per farle giungere l’obiettivo prefissato nel migliore dei modi, le consiglio di provare a saziarsi maggiormente a colazione. Ricordo che le quantità sono illimitate.

Se ha già terminato il percorso ed è nel mantenimento a vita può fare esattamente ciò che vuole, se dovesse ingrassare al ritorno basta semplicemente proseguire con il mantenimento e si ritorna al peso forma in pochi giorni.

Se è ancora nella fase dimagrantecolazione opti per il salato (es uova, toast salato, yogurt bianco intero con aggiunta di qualche fetta di prosciutto). A pranzo/cena prediliga un piatto composto da proteine + verdure (in questo caso vanno bene tutti i tipi).

Non salti mai comunque nessun pasto e non si abbuffi di frutta (errore che commettono in molti d’estate al mare, vedere domanda su cosa mangiare in spiaggia).

Al ritorno a casa, per rimediare all’eventuale ingrassamento, riprenda regolarmente il suo menù senza variazioni o personalizzazioni. 

La cosa migliore è portarsi il pasto da casa come ad esempio un avanzo della cena precedente.

Se invece va al ristorante chieda di farsi preparare una proteina (carne o pesce) + un contorno di verdura. Evitare patate, legumi, cornetti e carote cotte.

Condire a piacere con olio, burro, sale, spezie.

In questo modo ci si adegua al metodo senza problemi anche al ristorante. 

SI, sono importanti. Non dobbiamo considerare solo ciò che mangiamo ma anche l’ora in cui lo mangiamo per rispettare il nostro organismo seguendo un determinato ritmo metabolico. Ogni cibo produce un effetto differente in base all’orario in cui viene assunto!

Riuscire a mangiare all’interno delle fasce orarie indicate significa che quel pasto avrà la maggior efficacia per il suo dimagrimento e benessere.

– colazione tra le 7 e le 8.30,

– pranzo tra le 12 e le 13.30,

– cena tra le 19 e le 20.30.

– a dormire tra le 22 e le 23.30

Se nel weekend si sveglia entro le ore 8.30 fa colazione altrimenti se si alza dopo beva solo caffè o tè ma è comunque da considerarsi uno sgarro che rallenta il dimagrimento. Bisogna mettere il nostro corpo nella condizione migliore di poter dimagrire.

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SU IL GIORNO 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

Se è costretta ad assaggiare può farlo ma non deve ingoiare quel cibo o condimento.

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile assumendo solo proteine (carne o pesce) + un contorno.

In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio cotechino, salsiccia, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure o ad esempio lenticchie. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema.

In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta, panettone o colomba ma devo evitare i primi piatti. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarete dimagriti ma nemmeno ingrassati…

BUONE FESTE A TUTTI!

P:S: e se per tua sfortuna il giorno di Natale lo passi a letto con l’influenza leggi questa mia intervista su IL GIORNO con qualche consiglio utile https://www.ilgiorno.it/salute/influenza-natale-cosa-mangiatecosa-evitare-fake-della-nonna-m9t0rksd

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 4 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

Ricetta Caesar Salad

Ricetta Macedonia di mela e yogurt MB

Ricetta Tortino ricotta e porro

 

Seguendo MetodoBianchini non dovete per nessun motivo rinunciare ad un’uscita in compagnia, ad una serata spensierata tra amici perchè tutto ciò che fa bene al nostro cervello può aiutarci a raggiungere prima e meglio l’obiettivo.

Detto ciò…

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’uscita al ristorante con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante non devo ovviamente sgarrare. Devo scegliere una proteina (carne o pesce) anche se non presente nel mio menù aggiungendo un carboidrato di contorno (es. verdure alla griglia, lesse, al burro). Potrebbe andare bene anche un fritto misto di pesce che è un piatto composto da tutti i 3 nutrienti fondamentali: proteina (pesce) + carboidrato (la pastella) + grasso (l’olio della frittura).

Tutto molto semplice.

Godetevi l’uscita!

 

Il 1° mese porta pazienza. In questo caso puoi bere solo acqua o una tisana alle erbe amara.

Dal 2° mese in poi puoi bere un bicchiere di vino rosso accompagnato sempre da una proteina come parmigiano o qualche fetta di affettato. Consiglio comunque sempre di non saltare la cena.

Se hai terminato il percorso e sei nel mantenimento puoi conciliare l’aperitivo con il giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Organizzazione dei pasti

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile.

Se all’inizio è presente un buffet scegli solo cibi proteici ad esempio parmigiano, pesce, affettati.

Quando sei al tavolo assumi solo proteine (carne o pesce) + verdura. In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio arrosti, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema. In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta degli sposi. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarò dimagrito ma nemmeno ingrassato…….

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 2 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

INSALATA DI CETRIOLI E YOGURT

 

LEGGI QUALCHE ALTRO UTILE CONSIGLIO DI PAOLO BIANCHINI NELL’ARTICOLO DI ADNKRONOS O SULLA RIVISTA STARBENE

Saltare il pasto è uno degli errori più gravi che si possa fare se voglio ottenere certi benefici e risultati.

Assolutamente no! Questo è un errore da non fare, a maggior ragione se già sbaglio l’orario del pranzo la cena va fatta all’orario corretto per andare a ripristinare il prima possibile la situazione.

A cena devo comunque mangiare (poco se sono ancora pieno) un pò di proteina e un pò di carboidrato verdura. Basta poca quantità di cibo per ripristinare la situazione.

MAI SALTARE IL PASTO O PEGGIO ANCORA MANGIARE SOLO FRUTTA O BERE UN TE’ CON BISCOTTI PENSANDO DI RIMEDIARE!!!

Se nel suo menù non sono stati contemplati per il momento degli spuntini c’è un chiaro motivo per farle giungere l’obiettivo prefissato nel migliore dei modi, le consiglio di provare a saziarsi maggiormente a colazione. Ricordo che le quantità sono illimitate.

Se ha già terminato il percorso ed è nel mantenimento a vita può fare esattamente ciò che vuole, se dovesse ingrassare al ritorno basta semplicemente proseguire con il mantenimento e si ritorna al peso forma in pochi giorni.

Se è ancora nella fase dimagrantecolazione opti per il salato (es uova, toast salato, yogurt bianco intero con aggiunta di qualche fetta di prosciutto). A pranzo/cena prediliga un piatto composto da proteine + verdure (in questo caso vanno bene tutti i tipi).

Non salti mai comunque nessun pasto e non si abbuffi di frutta (errore che commettono in molti d’estate al mare, vedere domanda su cosa mangiare in spiaggia).

Al ritorno a casa, per rimediare all’eventuale ingrassamento, riprenda regolarmente il suo menù senza variazioni o personalizzazioni. 

La cosa migliore è portarsi il pasto da casa come ad esempio un avanzo della cena precedente.

Se invece va al ristorante chieda di farsi preparare una proteina (carne o pesce) + un contorno di verdura. Evitare patate, legumi, cornetti e carote cotte.

Condire a piacere con olio, burro, sale, spezie.

In questo modo ci si adegua al metodo senza problemi anche al ristorante. 

SI, sono importanti. Non dobbiamo considerare solo ciò che mangiamo ma anche l’ora in cui lo mangiamo per rispettare il nostro organismo seguendo un determinato ritmo metabolico. Ogni cibo produce un effetto differente in base all’orario in cui viene assunto!

Riuscire a mangiare all’interno delle fasce orarie indicate significa che quel pasto avrà la maggior efficacia per il suo dimagrimento e benessere.

– colazione tra le 7 e le 8.30,

– pranzo tra le 12 e le 13.30,

– cena tra le 19 e le 20.30.

– a dormire tra le 22 e le 23.30

Se nel weekend si sveglia entro le ore 8.30 fa colazione altrimenti se si alza dopo beva solo caffè o tè ma è comunque da considerarsi uno sgarro che rallenta il dimagrimento. Bisogna mettere il nostro corpo nella condizione migliore di poter dimagrire.

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SU IL GIORNO 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

Se è costretta ad assaggiare può farlo ma non deve ingoiare quel cibo o condimento.

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile assumendo solo proteine (carne o pesce) + un contorno.

In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio cotechino, salsiccia, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure o ad esempio lenticchie. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema.

In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta, panettone o colomba ma devo evitare i primi piatti. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarete dimagriti ma nemmeno ingrassati…

BUONE FESTE A TUTTI!

P:S: e se per tua sfortuna il giorno di Natale lo passi a letto con l’influenza leggi questa mia intervista su IL GIORNO con qualche consiglio utile https://www.ilgiorno.it/salute/influenza-natale-cosa-mangiatecosa-evitare-fake-della-nonna-m9t0rksd

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 4 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

Ricetta Caesar Salad

Ricetta Macedonia di mela e yogurt MB

Ricetta Tortino ricotta e porro

 

Seguendo MetodoBianchini non dovete per nessun motivo rinunciare ad un’uscita in compagnia, ad una serata spensierata tra amici perchè tutto ciò che fa bene al nostro cervello può aiutarci a raggiungere prima e meglio l’obiettivo.

Detto ciò…

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’uscita al ristorante con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante non devo ovviamente sgarrare. Devo scegliere una proteina (carne o pesce) anche se non presente nel mio menù aggiungendo un carboidrato di contorno (es. verdure alla griglia, lesse, al burro). Potrebbe andare bene anche un fritto misto di pesce che è un piatto composto da tutti i 3 nutrienti fondamentali: proteina (pesce) + carboidrato (la pastella) + grasso (l’olio della frittura).

Tutto molto semplice.

Godetevi l’uscita!

 

Il 1° mese porta pazienza. In questo caso puoi bere solo acqua o una tisana alle erbe amara.

Dal 2° mese in poi puoi bere un bicchiere di vino rosso accompagnato sempre da una proteina come parmigiano o qualche fetta di affettato. Consiglio comunque sempre di non saltare la cena.

Se hai terminato il percorso e sei nel mantenimento puoi conciliare l’aperitivo con il giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Disturbi dei primi giorni

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile.

Se all’inizio è presente un buffet scegli solo cibi proteici ad esempio parmigiano, pesce, affettati.

Quando sei al tavolo assumi solo proteine (carne o pesce) + verdura. In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio arrosti, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema. In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta degli sposi. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarò dimagrito ma nemmeno ingrassato…….

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 2 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

INSALATA DI CETRIOLI E YOGURT

 

LEGGI QUALCHE ALTRO UTILE CONSIGLIO DI PAOLO BIANCHINI NELL’ARTICOLO DI ADNKRONOS O SULLA RIVISTA STARBENE

Saltare il pasto è uno degli errori più gravi che si possa fare se voglio ottenere certi benefici e risultati.

Assolutamente no! Questo è un errore da non fare, a maggior ragione se già sbaglio l’orario del pranzo la cena va fatta all’orario corretto per andare a ripristinare il prima possibile la situazione.

A cena devo comunque mangiare (poco se sono ancora pieno) un pò di proteina e un pò di carboidrato verdura. Basta poca quantità di cibo per ripristinare la situazione.

MAI SALTARE IL PASTO O PEGGIO ANCORA MANGIARE SOLO FRUTTA O BERE UN TE’ CON BISCOTTI PENSANDO DI RIMEDIARE!!!

Se nel suo menù non sono stati contemplati per il momento degli spuntini c’è un chiaro motivo per farle giungere l’obiettivo prefissato nel migliore dei modi, le consiglio di provare a saziarsi maggiormente a colazione. Ricordo che le quantità sono illimitate.

Se ha già terminato il percorso ed è nel mantenimento a vita può fare esattamente ciò che vuole, se dovesse ingrassare al ritorno basta semplicemente proseguire con il mantenimento e si ritorna al peso forma in pochi giorni.

Se è ancora nella fase dimagrantecolazione opti per il salato (es uova, toast salato, yogurt bianco intero con aggiunta di qualche fetta di prosciutto). A pranzo/cena prediliga un piatto composto da proteine + verdure (in questo caso vanno bene tutti i tipi).

Non salti mai comunque nessun pasto e non si abbuffi di frutta (errore che commettono in molti d’estate al mare, vedere domanda su cosa mangiare in spiaggia).

Al ritorno a casa, per rimediare all’eventuale ingrassamento, riprenda regolarmente il suo menù senza variazioni o personalizzazioni. 

La cosa migliore è portarsi il pasto da casa come ad esempio un avanzo della cena precedente.

Se invece va al ristorante chieda di farsi preparare una proteina (carne o pesce) + un contorno di verdura. Evitare patate, legumi, cornetti e carote cotte.

Condire a piacere con olio, burro, sale, spezie.

In questo modo ci si adegua al metodo senza problemi anche al ristorante. 

SI, sono importanti. Non dobbiamo considerare solo ciò che mangiamo ma anche l’ora in cui lo mangiamo per rispettare il nostro organismo seguendo un determinato ritmo metabolico. Ogni cibo produce un effetto differente in base all’orario in cui viene assunto!

Riuscire a mangiare all’interno delle fasce orarie indicate significa che quel pasto avrà la maggior efficacia per il suo dimagrimento e benessere.

– colazione tra le 7 e le 8.30,

– pranzo tra le 12 e le 13.30,

– cena tra le 19 e le 20.30.

– a dormire tra le 22 e le 23.30

Se nel weekend si sveglia entro le ore 8.30 fa colazione altrimenti se si alza dopo beva solo caffè o tè ma è comunque da considerarsi uno sgarro che rallenta il dimagrimento. Bisogna mettere il nostro corpo nella condizione migliore di poter dimagrire.

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SU IL GIORNO 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

Se è costretta ad assaggiare può farlo ma non deve ingoiare quel cibo o condimento.

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile assumendo solo proteine (carne o pesce) + un contorno.

In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio cotechino, salsiccia, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure o ad esempio lenticchie. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema.

In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta, panettone o colomba ma devo evitare i primi piatti. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarete dimagriti ma nemmeno ingrassati…

BUONE FESTE A TUTTI!

P:S: e se per tua sfortuna il giorno di Natale lo passi a letto con l’influenza leggi questa mia intervista su IL GIORNO con qualche consiglio utile https://www.ilgiorno.it/salute/influenza-natale-cosa-mangiatecosa-evitare-fake-della-nonna-m9t0rksd

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 4 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

Ricetta Caesar Salad

Ricetta Macedonia di mela e yogurt MB

Ricetta Tortino ricotta e porro

 

Seguendo MetodoBianchini non dovete per nessun motivo rinunciare ad un’uscita in compagnia, ad una serata spensierata tra amici perchè tutto ciò che fa bene al nostro cervello può aiutarci a raggiungere prima e meglio l’obiettivo.

Detto ciò…

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’uscita al ristorante con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante non devo ovviamente sgarrare. Devo scegliere una proteina (carne o pesce) anche se non presente nel mio menù aggiungendo un carboidrato di contorno (es. verdure alla griglia, lesse, al burro). Potrebbe andare bene anche un fritto misto di pesce che è un piatto composto da tutti i 3 nutrienti fondamentali: proteina (pesce) + carboidrato (la pastella) + grasso (l’olio della frittura).

Tutto molto semplice.

Godetevi l’uscita!

 

Il 1° mese porta pazienza. In questo caso puoi bere solo acqua o una tisana alle erbe amara.

Dal 2° mese in poi puoi bere un bicchiere di vino rosso accompagnato sempre da una proteina come parmigiano o qualche fetta di affettato. Consiglio comunque sempre di non saltare la cena.

Se hai terminato il percorso e sei nel mantenimento puoi conciliare l’aperitivo con il giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

DOMANDE INOPPORTUNE

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile.

Se all’inizio è presente un buffet scegli solo cibi proteici ad esempio parmigiano, pesce, affettati.

Quando sei al tavolo assumi solo proteine (carne o pesce) + verdura. In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio arrosti, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema. In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta degli sposi. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarò dimagrito ma nemmeno ingrassato…….

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 2 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

INSALATA DI CETRIOLI E YOGURT

 

LEGGI QUALCHE ALTRO UTILE CONSIGLIO DI PAOLO BIANCHINI NELL’ARTICOLO DI ADNKRONOS O SULLA RIVISTA STARBENE

Saltare il pasto è uno degli errori più gravi che si possa fare se voglio ottenere certi benefici e risultati.

Assolutamente no! Questo è un errore da non fare, a maggior ragione se già sbaglio l’orario del pranzo la cena va fatta all’orario corretto per andare a ripristinare il prima possibile la situazione.

A cena devo comunque mangiare (poco se sono ancora pieno) un pò di proteina e un pò di carboidrato verdura. Basta poca quantità di cibo per ripristinare la situazione.

MAI SALTARE IL PASTO O PEGGIO ANCORA MANGIARE SOLO FRUTTA O BERE UN TE’ CON BISCOTTI PENSANDO DI RIMEDIARE!!!

Se nel suo menù non sono stati contemplati per il momento degli spuntini c’è un chiaro motivo per farle giungere l’obiettivo prefissato nel migliore dei modi, le consiglio di provare a saziarsi maggiormente a colazione. Ricordo che le quantità sono illimitate.

Se ha già terminato il percorso ed è nel mantenimento a vita può fare esattamente ciò che vuole, se dovesse ingrassare al ritorno basta semplicemente proseguire con il mantenimento e si ritorna al peso forma in pochi giorni.

Se è ancora nella fase dimagrantecolazione opti per il salato (es uova, toast salato, yogurt bianco intero con aggiunta di qualche fetta di prosciutto). A pranzo/cena prediliga un piatto composto da proteine + verdure (in questo caso vanno bene tutti i tipi).

Non salti mai comunque nessun pasto e non si abbuffi di frutta (errore che commettono in molti d’estate al mare, vedere domanda su cosa mangiare in spiaggia).

Al ritorno a casa, per rimediare all’eventuale ingrassamento, riprenda regolarmente il suo menù senza variazioni o personalizzazioni. 

La cosa migliore è portarsi il pasto da casa come ad esempio un avanzo della cena precedente.

Se invece va al ristorante chieda di farsi preparare una proteina (carne o pesce) + un contorno di verdura. Evitare patate, legumi, cornetti e carote cotte.

Condire a piacere con olio, burro, sale, spezie.

In questo modo ci si adegua al metodo senza problemi anche al ristorante. 

SI, sono importanti. Non dobbiamo considerare solo ciò che mangiamo ma anche l’ora in cui lo mangiamo per rispettare il nostro organismo seguendo un determinato ritmo metabolico. Ogni cibo produce un effetto differente in base all’orario in cui viene assunto!

Riuscire a mangiare all’interno delle fasce orarie indicate significa che quel pasto avrà la maggior efficacia per il suo dimagrimento e benessere.

– colazione tra le 7 e le 8.30,

– pranzo tra le 12 e le 13.30,

– cena tra le 19 e le 20.30.

– a dormire tra le 22 e le 23.30

Se nel weekend si sveglia entro le ore 8.30 fa colazione altrimenti se si alza dopo beva solo caffè o tè ma è comunque da considerarsi uno sgarro che rallenta il dimagrimento. Bisogna mettere il nostro corpo nella condizione migliore di poter dimagrire.

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SU IL GIORNO 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

Se è costretta ad assaggiare può farlo ma non deve ingoiare quel cibo o condimento.

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile assumendo solo proteine (carne o pesce) + un contorno.

In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio cotechino, salsiccia, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure o ad esempio lenticchie. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema.

In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta, panettone o colomba ma devo evitare i primi piatti. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarete dimagriti ma nemmeno ingrassati…

BUONE FESTE A TUTTI!

P:S: e se per tua sfortuna il giorno di Natale lo passi a letto con l’influenza leggi questa mia intervista su IL GIORNO con qualche consiglio utile https://www.ilgiorno.it/salute/influenza-natale-cosa-mangiatecosa-evitare-fake-della-nonna-m9t0rksd

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 4 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

Ricetta Caesar Salad

Ricetta Macedonia di mela e yogurt MB

Ricetta Tortino ricotta e porro

 

Seguendo MetodoBianchini non dovete per nessun motivo rinunciare ad un’uscita in compagnia, ad una serata spensierata tra amici perchè tutto ciò che fa bene al nostro cervello può aiutarci a raggiungere prima e meglio l’obiettivo.

Detto ciò…

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’uscita al ristorante con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante non devo ovviamente sgarrare. Devo scegliere una proteina (carne o pesce) anche se non presente nel mio menù aggiungendo un carboidrato di contorno (es. verdure alla griglia, lesse, al burro). Potrebbe andare bene anche un fritto misto di pesce che è un piatto composto da tutti i 3 nutrienti fondamentali: proteina (pesce) + carboidrato (la pastella) + grasso (l’olio della frittura).

Tutto molto semplice.

Godetevi l’uscita!

 

Il 1° mese porta pazienza. In questo caso puoi bere solo acqua o una tisana alle erbe amara.

Dal 2° mese in poi puoi bere un bicchiere di vino rosso accompagnato sempre da una proteina come parmigiano o qualche fetta di affettato. Consiglio comunque sempre di non saltare la cena.

Se hai terminato il percorso e sei nel mantenimento puoi conciliare l’aperitivo con il giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

CONSAPEVOLEZZA ALIMENTARE

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile.

Se all’inizio è presente un buffet scegli solo cibi proteici ad esempio parmigiano, pesce, affettati.

Quando sei al tavolo assumi solo proteine (carne o pesce) + verdura. In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio arrosti, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema. In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta degli sposi. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarò dimagrito ma nemmeno ingrassato…….

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 2 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

INSALATA DI CETRIOLI E YOGURT

 

LEGGI QUALCHE ALTRO UTILE CONSIGLIO DI PAOLO BIANCHINI NELL’ARTICOLO DI ADNKRONOS O SULLA RIVISTA STARBENE

Saltare il pasto è uno degli errori più gravi che si possa fare se voglio ottenere certi benefici e risultati.

Assolutamente no! Questo è un errore da non fare, a maggior ragione se già sbaglio l’orario del pranzo la cena va fatta all’orario corretto per andare a ripristinare il prima possibile la situazione.

A cena devo comunque mangiare (poco se sono ancora pieno) un pò di proteina e un pò di carboidrato verdura. Basta poca quantità di cibo per ripristinare la situazione.

MAI SALTARE IL PASTO O PEGGIO ANCORA MANGIARE SOLO FRUTTA O BERE UN TE’ CON BISCOTTI PENSANDO DI RIMEDIARE!!!

Se nel suo menù non sono stati contemplati per il momento degli spuntini c’è un chiaro motivo per farle giungere l’obiettivo prefissato nel migliore dei modi, le consiglio di provare a saziarsi maggiormente a colazione. Ricordo che le quantità sono illimitate.

Se ha già terminato il percorso ed è nel mantenimento a vita può fare esattamente ciò che vuole, se dovesse ingrassare al ritorno basta semplicemente proseguire con il mantenimento e si ritorna al peso forma in pochi giorni.

Se è ancora nella fase dimagrantecolazione opti per il salato (es uova, toast salato, yogurt bianco intero con aggiunta di qualche fetta di prosciutto). A pranzo/cena prediliga un piatto composto da proteine + verdure (in questo caso vanno bene tutti i tipi).

Non salti mai comunque nessun pasto e non si abbuffi di frutta (errore che commettono in molti d’estate al mare, vedere domanda su cosa mangiare in spiaggia).

Al ritorno a casa, per rimediare all’eventuale ingrassamento, riprenda regolarmente il suo menù senza variazioni o personalizzazioni. 

La cosa migliore è portarsi il pasto da casa come ad esempio un avanzo della cena precedente.

Se invece va al ristorante chieda di farsi preparare una proteina (carne o pesce) + un contorno di verdura. Evitare patate, legumi, cornetti e carote cotte.

Condire a piacere con olio, burro, sale, spezie.

In questo modo ci si adegua al metodo senza problemi anche al ristorante. 

SI, sono importanti. Non dobbiamo considerare solo ciò che mangiamo ma anche l’ora in cui lo mangiamo per rispettare il nostro organismo seguendo un determinato ritmo metabolico. Ogni cibo produce un effetto differente in base all’orario in cui viene assunto!

Riuscire a mangiare all’interno delle fasce orarie indicate significa che quel pasto avrà la maggior efficacia per il suo dimagrimento e benessere.

– colazione tra le 7 e le 8.30,

– pranzo tra le 12 e le 13.30,

– cena tra le 19 e le 20.30.

– a dormire tra le 22 e le 23.30

Se nel weekend si sveglia entro le ore 8.30 fa colazione altrimenti se si alza dopo beva solo caffè o tè ma è comunque da considerarsi uno sgarro che rallenta il dimagrimento. Bisogna mettere il nostro corpo nella condizione migliore di poter dimagrire.

LEGGI ARTICOLO DI PAOLO BIANCHINI SU IL GIORNO 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE

Se è costretta ad assaggiare può farlo ma non deve ingoiare quel cibo o condimento.

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’evento con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante devo ovviamente cercare di sgarrare il meno possibile assumendo solo proteine (carne o pesce) + un contorno.

In queste occasioni speciali vanno bene anche tipi di carne o pesce che non sono presenti nel menù (ad esempio cotechino, salsiccia, crostacei, molluschi ecc ecc) da associare ad un contorno di verdure o ad esempio lenticchie. I cibi possono essere cucinati come si desidera anche se sono unti, grassi o molto salati, non è un problema.

In questo modo, a fine pasto, posso concedermi una fetta di torta, panettone o colomba ma devo evitare i primi piatti. Concesso anche 1 bicchiere di vino.

Ricorda che il problema sono gli zuccheri, non i grassi o le proteine.

Il giorno dopo non sarete dimagriti ma nemmeno ingrassati…

BUONE FESTE A TUTTI!

P:S: e se per tua sfortuna il giorno di Natale lo passi a letto con l’influenza leggi questa mia intervista su IL GIORNO con qualche consiglio utile https://www.ilgiorno.it/salute/influenza-natale-cosa-mangiatecosa-evitare-fake-della-nonna-m9t0rksd

Queste indicazioni possono essere molto utili in caso di gita fuori porta, al mare, allo stadio, ad un concerto o anche nel caso di un viaggio in auto, treno o aereo.

La cosa migliore è quella di portarsi l’avanzo della cena precedente all’interno di un tupperware.

Per chi non volesse ricorrere a questa soluzione allego 4 alternative molto comode e pratiche da portare con se.

PRANZO AL SACCO CLASSICO

Ricetta Caesar Salad

Ricetta Macedonia di mela e yogurt MB

Ricetta Tortino ricotta e porro

 

Seguendo MetodoBianchini non dovete per nessun motivo rinunciare ad un’uscita in compagnia, ad una serata spensierata tra amici perchè tutto ciò che fa bene al nostro cervello può aiutarci a raggiungere prima e meglio l’obiettivo.

Detto ciò…

Se ho terminato il percorso e sono nel mantenimento posso conciliare l’uscita al ristorante con il mio giorno libero e quindi sgarrare liberamente.

Se sono nella fase dimagrante non devo ovviamente sgarrare. Devo scegliere una proteina (carne o pesce) anche se non presente nel mio menù aggiungendo un carboidrato di contorno (es. verdure alla griglia, lesse, al burro). Potrebbe andare bene anche un fritto misto di pesce che è un piatto composto da tutti i 3 nutrienti fondamentali: proteina (pesce) + carboidrato (la pastella) + grasso (l’olio della frittura).

Tutto molto semplice.

Godetevi l’uscita!

 

Il 1° mese porta pazienza. In questo caso puoi bere solo acqua o una tisana alle erbe amara.

Dal 2° mese in poi puoi bere un bicchiere di vino rosso accompagnato sempre da una proteina come parmigiano o qualche fetta di affettato. Consiglio comunque sempre di non saltare la cena.

Se hai terminato il percorso e sei nel mantenimento puoi conciliare l’aperitivo con il giorno libero e quindi sgarrare liberamente.